Artroscopia del polso e della mano

Che cos’è l’Artroscopia del polso e della mano?

L’artroscopia è una procedura chirurgica che consente di avere una visione diretta delle strutture che costituiscono le articolazioni del polso e della mano.

Come si svolge l’intervento?

L’intervento richiede incisioni nelle diverse regioni del polso e della mano, per visualizzare l’articolazione da differenti punti di vista e per consentire l’introduzione di diversi strumenti. Le incisioni sono solitamente molto piccole (pochi mm) tanto da non richiedere punti di sutura, ma da poter essere chiuse da speciali cerotti che normalmente vengono rimossi dopo circa 7 giorni dall’intervento.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dell’Artroscopia del polso e della mano?

Tale tecnica può essere usata come strumento diagnostico per determinare la causa di un dolore o di una lesione. Essa consente, inoltre, di eseguire alcune procedure chirurgiche all’interno dell’articolazione, senza dover “aprire” la stessa. In artroscopia possono essere trattate patologie dei legamenti, della cartilagine o delle ossa. L’artroscopio è uno strumento del diametro di circa 2 mm, dotato di una lente angolata, che collegato ad un cavo a fibre ottiche e ad una telecamera consente al chirurgo di osservare su di un monitor televisivo le strutture che si trovano all’interno dell’articolazione.

L’intervento è doloroso e/o pericoloso?

Il post-operatorio è più rapido e meno doloroso rispetto ad un intervento chirurgico tradizionale.

Quali pazienti possono sottoporsi all’intervento?

Tutti i pazienti che hanno dolore al polso, in presenza di un sospetto clinico di lesione cartilaginea o legamentosa, o in presenza di esiti post-traumatici.

Follow-up

Successivamente all’artroscopia, sarà necessario un bendaggio o un tutore per immobilizzare il polso, a seconda della patologia. Allo stesso modo, il trattamento fisioterapico varia in base della natura della lesione

Sono previste norme di preparazione all’intervento?

Le norme di preparazione sono le medesime per tutti gli interventi di chirurgia ambulatoriale effettuati in anestesia loco-regionale. È necessario sottoporsi ad una visita di pre-ricovero con i colleghi anestesisti ed effettuare esami del sangue di routine associati ad elettrocardiogramma.