Cannella

Che cos’è la cannella?

La cannella è una spezia comunemente utilizzata nella cucina italiana soprattutto per la preparazione di dolci. È facilmente distinguibile per il suo colore che va dal nocciola al rosso-bruno e per il caratteristico profumo. Le varianti più diffuse sono due: la Cinnamomun zeylanicum (detta anche cannella Ceylon), originaria dello Sri Lanka e più costosa, e la Cinnamomum cassia, originaria della Cina e più economica, caratterizzata da un aroma più secco. La cannella si ricava dall’essiccazione della parte più interna della corteccia di queste e altre piante, tutte appartenenti alla Famiglia delle Lauraceae, ed è commercializzata sotto forma di bastoncini o in polvere.

Quali sono le proprietà nutrizionali?

100 grammi di cannella in polvere apportano 247 calorie e contengono:

Quando non mangiare la cannella?

Secondo diversi studi l’assunzione di cannella potrebbe interagire con l’assunzione di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

Stagionalità

La cannella è reperibile tutto l’anno.

Possibili benefici e controindicazioni

La cannella contiene molti minerali tra cui soprattutto ferro, calcio e potassio. Contiene anche molte fibre e ha numerose proprietà benefiche per l’organismo umano: per esempio è in grado di migliorare la digestione, riducendo in particolare flatulenza e disturbi digestivi, controllare i livelli di zuccheri nel sangue, ridurre la fame (grazie al controllo della glicemia e al rallentamento della velocità di svuotamento gastrico) e la voglia di dolci, aiutando a mantenere il peso corporeo nella norma, regolare il ciclo mestruale, combattere e prevenire le infezioni, soprattutto fungine e batteriche.

Poiché la cannella contiene cumarina, una sostanza che a dosaggi elevati nuoce a fegato e reni, è consigliabile non abusarne. Inoltre, è bene ricordare che la cannella cassia, quella più economica, è potenzialmente più pericolosa poiché contiene quantità più alte di cumarina.

Disclaimer

Le seguenti informazioni rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per essere certi di seguire un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto nutrizionista.