Tè verde

Che cos’è il tè verde?

Il è una bevanda che si ottiene per infusione delle foglie della pianta Camellia sinensis della famiglia delle Teacee.

Coltivato sin dall’antichità in India, Cina e Giappone e più recentemente in Indonesia, sul Caucaso, in Africa orientale e nell’America Meridionale, il tè cresce selvatico e si sviluppa come un albero che può raggiungerei due metri di altezza, o assume le sembianze di un cespuglio basso e ramificato se coltivato. Le foglie sono sempreverdi e hanno diverse forme. Attualmente esistono diversi tipi di tè (tra cui tè bianco, tènero, tè verde, tè oolong), che differiscono tra loro per il procedimento di lavorazione, che rappresenta il fattore più rilevante per la differenziazione del prodotto finito.

Il tè verde è famoso in tutto il mondo per i suoi effetti benefici sul corpo umano e per la sua tipica caratteristica antiossidante. La sua realizzazione inizia a partire dal processo che coinvolge le foglie detto “stabilizzazione” – che può essere eseguito con calore secco (tostatura) o calore umido (vaporizzatura) – che inibisce gli enzimi responsabili dell’ossidazione e permette quindi alle foglie di mantenere il caratteristico colore verde (l’ossidazione è una reazione chimica che avviene spontaneamente nelle foglie di tè, scurendone il colore).

Il tè verde viene anche definito “non fermentato” poiché non viene sottoposto a fermentazione (la fermentazione è quel processo di trasformazione biochimica per opera di microrganismi cui viene sottoposto il tè quando messo in opportune condizioni di calore e umidità).

Quali sono le proprietà nutrizionali?

100 millilitri (circa 100 grammi) di tè verde (infuso preparato con acqua) apportano circa 1 caloria e contengono approssimativamente:

Quando non bere il tè verde?

Il consumo di tè verde deve essere evitato in caso di terapia antitumorale a base di bortezomib, poiché le molecole di Epigallocatechina gallato contenute nel tè verde si legano alle molecole di questo farmaco, impedendo loro di legarsi alle cellule tumorali e di danneggiarle. Poiché il tè verde contiene caffeina (circa 12 grammi ogni 100 ml di bevanda), è bene non farlo bere ai bambini.

Reperibilità

È facilmente reperibile.

Possibili benefici e controindicazioni

Il tè verde contiene quantità molto elevate di polifenoli, sostanze dal ruolo benefico e antiossidante per l’organismo umano; in particolare il polifenolo più caratteristico e principale responsabile delle proprietà del tè verde è l’Epigallocatechina gallato.

I benefici per la salute umana che possono derivare dal consumo di tè verde sono davvero molti. Questa bevanda è già stata ed è tuttora oggetto di diversi studi, il cui obiettivo è conoscere sempre meglio il suo eventuale ruolo curativo. La maggior parte dei benefici del tè verde sembrerebbero dipendere dalla presenza di grandi quantità di catechine, in grado di rafforzare le difese antiossidanti e quindi ridurre il danno a carico delle cellule, con ricadute positive su tutti i tessuti.

Nello specifico il tè verde è particolarmente apprezzabile per le sue proprietà anti-tumorali (protegge le cellule buone dalle mutazioni e inibisce la crescita di quelle cancerose) e apporterebbe benefici al sistema cardiovascolare (inibisce la formazione di coaguli, riduce la presenza di grassi e colesterolo nel sangue e rallenta lo sviluppo di aterosclerosi e malattie coronariche) e respiratorio (risulta particolarmente utile contro gli effetti negativi del fumo). Il tè verde inoltre accelera il metabolismo dei grassi e degli zuccheri, facilitando la diminuzione del peso corporeo, e facilita la diuresi, risultando utile in caso di ritenzione idrica, cellulite e infezioni delle vie urinarie. Grazie all’azione combinata dei derivati polifenolici (flavonoidi, acido clorogenico, caffeico, tannini) in esso contenuti, questo tipo di tè avrebbe effetti neuroprotettivi e potrebbe giocare un ruolo di una certa importanza nella prevenzione e nel trattamento delle malattie neurodegenerative. Il tè verde sembrerebbe inoltre essere in grado di contrastare l’ipertensione e di provenire l’osteoporosi (la sua potente azione remineralizzante aumenta la densità ossea nelle donne in menopausa). Diversi sono inoltre gli studi che attribuiscono al tè verde effetti anti-stress e effetti antinfiammatori.

Sebbene i benefici per la salute umana che possono derivare dal consumo di tè verde siano davvero molti, è bene tenere presente che il tè verde contiene caffeina e, quindi, se consumato in grandi quantità può causare ansia, nervosismo e insonnia. Il tè verde può inoltre influire sul funzionamento della tiroide. Alcuni studi hanno inoltre messo in evidenza che a determinate concentrazioni i polifenoli del tè verde possono indurre stress ossidativo e tossicità epatica (particolare cautela deve essere quindi posta nel consumo di estratti di tè concentrati).

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.