Acatisia

L’espressione acatisia designa una condizione di irrequietezza motoria che, a causa di un’importante rigidità muscolare, porta l’individuo a muoversi in continuazione, per un’incapacità a mantenere la stessa posizione anche per brevissimo tempo.

L’acatisia si manifesta soprattutto a livello delle gambe: il soggetto – se seduto – tende a dondolarle o ad accavallarle di continuo, mentre – se in posizione eretta – è portato a muoversi velocemente avanti e indietro lungo un breve spazio o a correre sul posto.

Quali patologie possono essere legate all’acatisia?

Alcune delle patologie che possono essere associate all’acatisia sono:

  • Demenze
  • Disturbi isterici
  • Morbo di Parkinson e altre malattie del sistema extrapiramidale
  • Sindrome delle gambe senza riposo

Cosa fare in caso di acatisia?

L’acatisia prevede un trattamento di tipo farmacologico, in genere con farmaci specifici come benzodiazepine, beta-bloccanti o anticolinergici.

Anche rivolgersi a un fisioterapista, che consiglierà esercizi appositi, può migliorare la condizione.

Quando rivolgersi al medico?

Qualora si manifesti acatisia è consigliabile consultare al proprio medico, in modo da poter indagare le cause all’origine del disturbo.