Circolazione extra-corporea

Che cos’è la circolazione extra-corporea?

La circolazione extra-corporea, anche chiamata macchina cuore-polmoni, è un dispositivo biomedicale capace di compiere le funzioni cardio-polmonari in via temporanea.

A cosa serve?

È un’apparecchiatura che si rivela basilare in area cardiochirurgica quando si rivela necessario operare su cuore fermo ed esangue; consente infatti di tenere il paziente in vita, garantendo l’irrorazione dei tessuti e degli organi.

Come funziona?

Il sangue viene prelevato dalle vene cave (superiore e inferiore) o dall’aorta e tramite un sistema di cavi e tubi viene raccolto in un ossigenatore, un apparecchio deputato all’ossigenazione del sangue tramite un flusso di ossigeno, e viene così pompato nel sistema arterioso del paziente.

L’apparecchiatura è pericolosa e/o dolorosa?

L’uso della circolazione extra-corporea è sicuro e non è pericoloso. Il paziente, nel corso degli interventi cardiochirurgici in cui si utilizza la strumentazione, è sedato e non sente alcun dolore.