Biopsia Prostatica Ecoguidata

Che cos’è la biopsia prostatica ecoguidata?

La biopsia prostatica ecoguidata è un esame diagnostico volto al prelievo di materiale biologico dalla prostata, come tessuti e cellule, al fine di sottoporlo a esame istologico e verificarne la natura e le caratteristiche.

A che cosa serve la biopsia prostatica ecoguidata?

La biopsia prostatica è uno degli esami dell’iter diagnostico in ambito oncologico e fornisce il materiale biologico da sottoporre a esame istologico, al fine di accertare o escludere la presenza di una neoplasia a carico della prostata.

Può essere prescritta in seguito alla valutazione di esami ematochimici (come il PSA, l’antigene prostatico specifico) o diagnostici (come per esempio l’ecografia transrettale e la risonanza multi parametrica) e dopo visita specialistica urologica.

Sono previste norme di preparazione all’esame?

Consulta le NORME DI PREPARAZIONE ALL’ESAME.

L’esame è doloroso e/o pericoloso?

La biopsia prostatica si esegue in regime ambulatoriale, ha una durata di circa dieci minuti, e non richiede dunque ricovero ospedaliero.

Viene condotto in anestesia locale, pertanto il paziente può avvertire una sensazione di fastidio, ma non prova dolore.

Nei giorni successivi all’esame, il paziente può rilevare piccole perdite di sangue all’atto della minzione e della defecazione. Se la prostata è di grandi dimensioni, possono aversi difficoltà alla minzione per un paio di giorni.

I rischi legati a questa procedura sono minimi, è però fondamentale che il paziente si attenga scrupolosamente alla preparazione in vista della biopsia e che segua la terapia dopo l’esame.

Come si svolge la biopsia prostatica ecoguidata?

Il paziente viene invitato ad accomodarsi sul lettino, adagiato sul fianco sinistro.

Tramite guida ecografica, viene introdotto nella prostata un ago cavo, leggermente più grosso di quello di una siringa standard, mediante il quale si procede al prelievo del campione tissutale.

A esame concluso, il paziente resterà un paio d’ore in osservazione in ambulatorio, al fine di monitorare le condizioni generali, eventuali sanguinamenti e verificare che la minzione riprenda in maniera corretta.